Spettacolo “La Costruzione Invisibile”

Maigret & Magritte
in collaborazione con
S.C.D.U Neuropsichiatria infantile, O.I.R.M. e A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino

presenta

La Costruzione Invisibile
(ovvero: Costruire qualcosa che non sapremmo dire)

DRAMMATURGIA: Stella Sorcinelli e Emilio Locurcio
REGIA: Emilio Locurcio

in scena gli operatori del Reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’ospedale Regina Margherita di Torino: Patrizia Aimasso, Antonella Anichini, Chiara Bosia, Elena Longo , Elena Rainò, Cristina Benintendi, Giorgio Bodrito, Anna Scarso, Paolo Merlatti, Mara Gallo, Nadia Francesia, Dario Russo, Donata Notari , Martina Casabianca, Loredana Ierardi, Luca Esposito Drammaturgia: Stella Sorcinelli e Emilio Locurcio – Regia: Emilio Locurcio

“Cos’è l’oscurità? Quando non si vede niente,non si capisce niente e non si trovano le parole sensate da dire a chi, invece,ha bisogno di quelle parole. SUBITO!” Emilio Locurcio

“Un cantiere. Dentro, un edificio in costruzione. Ancora non se ne comprende la forma. Quando nel tempo diventerà comprensibile, allora probabilmente quella forma riguarderà tutti. Lavorando, inizia una narrazione corale. Poco a poco si riempie di contenuti fino a creare la possibilità di un confronto permanente per un’intera piccola comunità che si occupa del dolore, della frustrazione, del riscatto. Una comunità di lavoratori dentro un cantiere. Questa è la storia. Lavoratori impegnati a trovare il senso reale di quanto stanno facendo.”

Lo spettacolo è la rielaborazione scenica del laboratorio teatrale svolto con operatori sociosanitari del reparto di neuropsichiatria infantile dell’ospedale Regina Margherita di Torino. Ogni piccolo paziente passato da quel reparto è un mondo difficile da interpretare. Sono storie forti, storie pesanti, storie paradossali, ma “vere”. Quei piccoli pazienti diventano personaggi a tutto tondo. Con l’aggiunta di alcuni dettagli che erano sfuggiti durante la terapia. Come trovare una ragione eticamente accettabile per la loro sofferenza? Personaggi messi sotto la lente d’ingrandimento del teatro e fatti rivivere attraverso i racconti per stemperare anche tutte le sconfitte che in genere ognuno si tiene per sé. Sul palco, torna il senso di tutto questo, perché lo si condivide sotto forma di racconto.

GUARDA IL VIDEO

SCHEDA TECNICA

Durata: 50
N° attori in scena: 16
N° persone impegnate oltre agli attori: 2
Spazio minimo: largh. palcoscenico mt. 8 prof. Mt.8
Impianto e tecnico audio: 6 panoramici per sale superiori agli 80 posti.
Luci: piazzato bianco (almeno 6 riflettori da 500 watt)
Scenografie: nessuna
Carico e scarico: no
Altre esigenze: ingresso in teatro due ore prima dello spettacolo per prova tecnica con luci

Riferimento tecnico: Emilio Locurcio 338.494.54.59

 

La Costruzione Invisibile

La Costruzione Invisibile – Binaria 2018 – foto di Piero Ferrante